Il nido caduto
un pigolo sempre più lieve
uno strano rumore nell’aria
sembra primavera,
ma, la fronda abbattuta
desta tristezza.
Grande il respiro
del legno reciso,
grande la paura
del ramo spezzato.
Resta lo sguardo
di un esile gufo
che canta la nenia
più triste stanotte;
la civetta sul ramo che guarda,
un lamento rompe il silenzio
un’ anima leggera lo sente
e un brivido le percorre la schiena..

Triste questa notte
la notte
e l’attesa dell’alba
con i suoi colori
a destare i cuori

visualizzazioni totali 14 total views, Viste oggi 2 views today

I commenti sono chiusi.

Si prega di non violare il copyright!

visualizzazioni totali 15 total views, Viste oggi 3 views today

Condividi:

Mi piace: