temporale

autore: Graziano Gismondi

La brezza si alza frizzante e leggera
dai campi dipinti di primavera.
Passando tra gli steli colorati dei fiori
raccoglie tutti i profumi e gli odori.
La rugiada bagna l’alito del vento
con un profumo di fresco accento.
I suoni dalla selva di canne vicino
aleggiano nel fresco del mattino.
Anatre guazzano nel pantano adiacente
alzando spruzzate d’acqua stagnante.
Ora il soffio rafforza, si fa irrequieto,
solleva la polvere, piega il canneto.
Le acque dei fossi cambiano colore,
diventano scure come il cielo che muove.
Si formano mulini, la folata rinforza,
la quiete pacata lascia spazio alla forza.
La raffica arriva con impeto che sale
gonfiando le nubi del temporale.
Un turbine si forma e scarica al suolo
le forze del cielo e qualche gocciolo.
All’improvviso la foga arrabbiata
si muta in lieve soffiata sfumata.
L’aria appare limpida e splendente
sotto la volta d’un azzurro invadente.
I campi tornano colorati a fiorire
nella quiete del sole primaverile.
Un madido odore d’erba bagnata
pervade l’etere sulla terra assolata.
La parvenza d’un violento acquazzone
si rivela solo un’esigua perturbazione.

visualizzazioni totali 53 total views, Viste oggi 2 views today

I commenti sono chiusi.

Si prega di non violare il copyright!

visualizzazioni totali 54 total views, Viste oggi 3 views today

Condividi:

Mi piace: