velenubi

 

 

 

 

 

 

 

Arenata mi dibatto

nei bassi fondali

dove troppa luce

morde la realtà

 

aspetto:

la tempesta buona

 

il vento potente

che mi sospinga

in acque profonde

e scure

 

che la culla degli abissi

mi sostenga

 

o che le mie vele

come ali si schiudano

e sia il mio mare

l’infinito cielo

 

che la prua spezzi

l’anello oltre il quale

è celato il senso

del malinteso chiarore

 

– laura chiarina© –

 

 

 

visualizzazioni totali 14 total views, Viste oggi 2 views today

I commenti sono chiusi.

Si prega di non violare il copyright!

visualizzazioni totali 15 total views, Viste oggi 3 views today

Condividi:

Mi piace: